Also available in: English

In molte culture il melograno simboleggia amicizia e lealtà, innocenza e purezza, successo e potere, natura e fertilità, ma in Grecia, il rompere un melograno a Capodanno è un’ usanza tradizionale, e gli viene dato un altro significato. La tradizione vuole che qualche minuto prima della mezzanotte del 31 dicembre di ogni anno, la famiglia spenga le luci e la casa rimanga buia. Questo è l’addio all’ anno che sta terminando. Ma quando l’orologio batte la mezzanotte, tutte le luci ritornano e il proprietario della casa rompe un melograno. Il frutto deve rotolare sul pavimento fino a che non si vedono i suoi semi rossi. Più semi si spargono, più fortunato e prospero sarà l’anno. La rottura di un melograno farà allontanare gli spiriti maligni dalla casa e porterà fortuna, buona salute, longevità e soprattutto una vita migliore, ricca di energia positiva.

Il melograno si trova in quasi tutte le culture e viene citato nella mitologia greca, negli antichi Egizi, nel Medioevo, nell’ ebraismo, nel cristianesimo, nell’ islam e nel buddismo. Essendo un frutto così ricco di storia e simbolismo, il melograno è raffigurato nella cultura moderna in moltissimo oggetti, dall’arte ai gioielli, dai tessuti e altri manufatti ai regali che danno un tocco di festività. Una pianta preziosa con frutti benedetti di bellezza interiore ed esteriore, che a volte diventa un emblema; si ritiene che appeso all’ingresso porti fortuna, abbondanza e prosperità a questa casa e al suo proprietario.

Se non avete mai rotto un melograno durante il Capodanno, avete ancora tempo per farlo entro gennaio!